www.ilponte.it  

 

     
   

associazione Enrico Berlinguer 

 di Milano

associazioneberlinguermilano@gmail.com 

 

pagina fb ancora oscurata (chissa perchè?...)

dal 16/01/2021 - una nuova pag. Fb

speriamo bene


verso il centenario della nascita del Pci

materiali interventi testimonianze e convegni sulla storia del Pci a Milano

news ottobre/novembre 2020

news settembre 2020
news maggio-giugno 2020
news aprile 2020

news marzo 2020

news gennaio 2020

***********************************
A trent'anni dalla Bolognina
dov'è la Sinistra in Italia...

sabato 23 novembre 2019 - alle 15,30
in via Spallanzani 6 - Milano

 Il saluto inviato da Aldo Tortorella, il ricordo di Massimo Gatti, la relazione di Paolo Pinardi, gli interventi di Bruno Casati,
Giuseppe Boatti, Ferruccio Capelli e quello inviato da Maria Grazia Meriggi

Video e testi scritti

************************************


Sabato 2 Marzo 2019 - ore 9,15/ 13,30

CdL di C.so di Porta Vittoria - Mi


1969 / 1989
Dall'esplosione allo scioglimento

Alcuni temi della storia del Pci a Milano:
le lotte operaie, i movimenti,
il partito di massa,
le giunte di sinistra, la deriva, lo scioglimento.

Riflettere il passato comprendere l'oggi

Video e testi scritti

Paolo Pinardi – presentazione
Carlo Ghezzi – le lotte operaie
Guido Memo – il partito di massa
Anna Celadin – donne movimenti e politica
Maria Grazia Meriggi – un autonomo sguardo storico
Pietro Folena – la modernità da Pasolini
ai social odierni
Aldo Tortorella - conclusioni

Hanno aderito:

Promosso da:
Associazione Enrico Berlinguer di Milano
Associazione per il Rinnovamento della Sinistra
Laboratorio Politico per la Sinistra

per info e adesioni:
info@ilponte.it
www.ilponte.it
fb: associazione Enrico Berlinguer - Mi



Dal partito di massa alla politica
nella società liquida

domenica 28 gennaio 2018 - dalle ore 10,00
c/o circolo Arci - via Solari 40 - Mi

- Paolo Pinardi: egemonia, unità e radicalità dal primo novecento ad oggi
- Massimo Gatti: il partito di massa di Togliatti, Longo e Berlinguer
- Onorio Rosati:il sindacato e i corpi sociali oggi
- Rosa Fioravante: nuove modalità della proposta politica (Sanders, Corbyn e Melenchon)

Enrico e Francesco. 
Pensieri lunghi

di Pietro Folena  - Castelvecchi editore

Martedì 19 dicembre 2017 ore 20.30 

Camera del Lavoro - Mi

Alla presentazione del libro Insieme all'autore intervengono:
Mario Agostinelli, Vittorio Bellavite, Sergio Cofferati,  Massimo Gatti, don Massimo Mapelli
Roberto Carusi leggerà alcuni brani con testi di Enrico Berlinguer e Papa Francesco

Associazione Enrico Berlinguer di Milano in collaborazione con I Pettirossi - Noi Siamo Chiesa

https://www.youtube.com/watch?v=cJYH-Lyt1_Q 


News n. 6 - Dicembre 2017

a cura di  Luciano Grecchi e Paolo Pinardi 

Guardare oltre senza snobbare l'oggi

Qui di seguito l'ultima news della nostra associazione. Volendo guardare oltre le disgraziate vicende quotidiane della sinistra italiana apprezzerete tre punti sicuramente stimolanti: una bellissima iniziativa con l'ultimo libro di Pietro Folena sui pensieri lunghi di Enrico e Francesco, una approfondita ed intelligente riflessione a cento anni dalla rivoluzione del '17 da parte dei nostri amici e compagni romani ed infine un articolo sul pensiero economico di Gramsci di Giorgio Lunghini che nel lontano 1994 scrisse sul nostro mensile di allora stimolato dalle cinque serate con Mario Spinella promosse dal Gramsci di via delle Leghe.
Il guardare oltre, come sapete, non significa snobbare anzi ci piace dire la nostra su questi mesi cruciali fuori da ogni condizionamento.
Troverete i due appelli lanciati a Milano nei giorni scorsi; vedono protagonisti militanti, donne e uomini che hanno dato da tempo un giudizio preciso sulla deriva del Pd e avvertito quasi subito sull'impossibilità pisapiana 
di far fronte alle tante aspettative unitariamente suscitate con le primarie del 2010 e la sconfitta del centrodestra nel 2011.
Tutti hanno subito colto l'importanza di quanto si metteva in moto con i risultati del referendum del dicembre scorso, avvertendo sia le grandi potenzialità che si aprivano per rilanciare una sinistra disillusa e quasi isolata nei territori, sia il rischio di un ennesimo esaurimento 
dentro le solite logiche.
Per questo il Brancaccio sembrava l'occasione a cui aggrapparsi per provare a ripartire sul serio. Ora si tratta realisticamente di ridurre il danno, salvare una rappresentanza alle prossime elezioni che possa dal giorno dopo contribuire a questo lungo lavoro nella società italiana, aiutare questa quasi impossibile ripartenza e rigenerazione della sinistra.
Sul perchè in Italia dopo la fine dell'esperienza novecentesca del comunismo italiano esempio di forza e intelligenza riconosciuta in tutto il mondo, la sinistra sia caduta così in basso è tema di discussione autocritica e che caratterizza la riflessione e le iniziative di questa associazione.

Ciò che è evidente a tutti è che utilizzare le scadenze elettorali per risolvere o nascondere i problemi inerenti le divisioni e l'inconsistenza della sinistra italiana non ha mai funzionato.
Questa volta forse è meglio che questa amara verità risulti evidente prima delle elezioni anziché dopo caricandoci addosso questo sano pessimismo dell'intelligenza per lavorare dentro la realtà e ritrovare tutto il necessario ottimismo della volontà.
Paolo Pinardi

Sommario

1. Appelli per l'unità della sinistra alle prossime elezioni

2. Enrico e Francesco: pensieri lunghi con la presentazione del libro di Folena

3. Giorgio Lunghini: il pensiero economico di Gramsci 

4. A cento anni dalla Rivoluzione d'Ottobre: l'Urss, la via italiana e il ripensamento del socialismo

5. Dalla nostra pagina facebook

 

News n. 5 - Maggio 2017

a cura di  Luciano Grecchi e Paolo Pinardi 

 

Sommario

1. Aperto il laboratorio per l'unità della sinistra 

di Paolo Pinardi

2. Pioggia battente... obnubila la mente 

di Luciano Grecchi

3. Servono politiche pubbliche di Massimo Gatti 

4. Manchester dopo l'ultima strage di Gianfranco Pagliarulo 

5. La quinta delle 5 lezioni di Spinella su Gramsci: 

I quaderni del carcere: Blocco storico e conquista del potere, l'apporto di Gramsci al marxismo

6. La rivoluzione di Antonio Gramsci. Il laboratorio della rivoluzione in occidente di Guido Liguori

7. Dalla nostra pagina facebook

 

News n. 4 - Aprile 2017

a cura di  Luciano Grecchi e Paolo Pinardi 

 

Sommario

1. I divisivi: considerazioni a margine delle polemiche con la comunità ebraica romana e con alcuni dirigenti del Pd sul 25 aprile di Gianfranco Pagliarulo

2. La cura del territorio è la prima opera pubblica 

di Massimo Gatti

3. La quarta delle 5 lezioni di Spinella su Gramsci: 

I Quaderni del carcere: egemonia e ruolo degli intellettuali

4. L'uscita di Pietro Ingrao dal Pds: non una tradizionale scissione ma un guardare avanti e progettare unitariamente 

5. La cultura della Costituzione per ripensare la sinistra di Paolo Ciofi 

6. Dalla nostra pagina facebook

 

News n. 3 - Marzo 2017

a cura di  Luciano Grecchi e Paolo Pinardi 

 

Sommario

1. Milano, la metropoli in movimento che ci piace 

di Paolo Pinardi

2. La terza delle 5 lezioni di Spinella su Gramsci: 

l'Ordine Nuovo e il Gramsci dei Consigli

3. Terracini e la Costituente 

4. Dalla nostra pagina facebook 

 

News n. 2 - Febbraio 2017

a cura di  Luciano Grecchi e Paolo Pinardi 

 

Sommario

1. Cambio di fase di Paolo Pinardi

2. Bisogno di alternativa, non di trasformismo 

di Massimo Gatti

3. La seconda delle 5 lezioni di Spinella su Gramsci: 

la formazione culturale e l'esperienza politica

4. Il rifacimento della sinistra a partire dalle fondamenta di Aldo Tortorella

5. Partire dalla vittoria del No per costruire una nuova identità di Alfiero Grandi

6. Il terremoto del 1980 e la svolta di Berlinguer 

di Piero Di Siena

 

News n. 1 - Gennaio 2017

a cura di  Luciano Grecchi e Paolo Pinardi 

 

Sommario

1. Inquinamento, risorse economiche e scelte politiche di Massimo Gatti

2. La prima delle cinque lezioni di Spinella su Gramsci

3. L'incontro-festa per la Costituzione promosso dalla nostra associazione il 18 dicembre scorso

4. Due visioni del mondo alla prova di Mario Agostinelli

5. Il PCI, il 1956 e la via italiana al socialismo nell'incontro romano promosso da Futura Umanità il 16 dicembre scorso

6. Un passaggio di Togliatti sull'attualità della nostra Costituzione

 

1. La prima delle cinque lezioni di Spinella:

La vita di Gramsci

 

2. La seconda  lezione di Spinella:

La formazione culturale e l'esperienza politica

 

3. La terza lezione di Spinella: 

L'Ordine Nuovo e il Gramsci dei Consigli

 

4. La quarta lezione di Spinella: 

I quaderni del carcere: 

egemonia e ruolo degli intellettuali

 

5. La quinta lezione di Spinella: 

I quaderni del carcere: Blocco storico e conquista del potere, l'apporto di Gramsci al marxismo

 

News n. 0 - Dicembre 2016

a cura di  Luciano Grecchi e Paolo Pinardi 

 

Sommario

1. Il No di Milano di Luciano Grecchi e Paolo Pinardi

2. Laura Conti e la Costituzione: l'appello del febbraio 1993 in occasione del referendum abrogativo della legge elettorale del Senato

3. Aldo Tortorella: il no una garanzia per l'avvenire

4. Il PCI la Costituzione le Riforme istituzionali: l'introduzione di Paolo Ciofi al seminario romano

5. Pedemontana: un dissesto annunciato 

di Massimo Gatti

6. A gennaio il nostro libro di Mario Spinella

 "Parlando di Gramsci" con le 5 serate organizzate dall'allora associazione Gramsci di Milano

 

Da Craxi Pillitteri Borghini 

a Renzi Sala Parisi

No a una nuova normalizzazione. Manteniamo aperta la speranza del cambiamento del 2011

Maggio 2016

Noi di quel PCI che avrebbe guardato  con naturale speranza ... 

(ovvero qualche riflessione sui 5 anni della giunta Pisapia e sul vicino futuro)

 

Dicembre 2015

A questo testo hanno finora aderito: 

Mario Agostinelli, Ines Biemmi, Angela Catanzariti, Franco De Alessandri, Alberto Ettori, Stefano Fustaneo, Massimo Gatti, Luciano Grecchi, Ivana Marcatto, Stefano Mele, Rosario Mignemi, Claudio Molteni, Giuseppe Moretti, Robeto Mucciarini, Moreno Passoni, Laura Pezzenati, Antonio Piazzi, Paolo Pinardi, Francesco Rizzati, Valeria Zanella

Per sottoscriverlo: ilponte@ilponte.it

 

MartesanaDUE

mensile di informazione, 

politica e cultura 

della zona Due di Milano 

 

 

Edizioni ilponte.it

giugno 2015 

Ricordando Adele...

Alcuni video con i suoi racconti

 
 

news, periodici, libri e associazioni da Milano 

a sinistra

Questo sito è stato registrato nel 1995 e tuttora coordinato e diretto da Paolo Pinardi

***********************

nel centenario del Pci

i racconti di Edgardo:

personaggi riflessioni e situazioni

sui comunisti a Milano e non solo

°°°°°°°°°°°°°°°

sempre nell'ambito del centenario

Giorgio Seveso ci segnala 

questa interessante iniziativa artistica:

una mostra online per  un anno intero

a partire dal 21 gennaio:

www.tessereilfuturo.it

*********************************

La carta intestata del circolo Bertolt Brecht di via Padova 61 a Milano recitava questo brano 

di una sua poesia tradotta appositamente da Franco Fortini

*********************************

il ponte della Lombardia

mensile della sinistra milanese e regionale

(1992 - 2004)

******************************

Convenzione per l'Alternativa

(1994 - 2010)

pagina in rifacimento

Ricordando Carlo e Edgardo

******************************

MartesanaDue

news dalla zona di via Padova 

e dall'intera città

(1998 - 2014)

******************************

 

libreria il ponte.it
la libreria nasce nel 2002 al piano terra di via delle leghe 5, spazio politico-culturale condiviso con la casa editrice, i periodici e le altre associazioni presenti.  Dal 2007 fornisce i propri libri fuori catalogo alle librerie universitarie; è ancora presente con i propri testi davanti all'università Statale in Festa del Perdono 12.

  
titoli fuori catalogo e occasioni

  narrativa italiana 

  narrativa straniera 

  storia e politica

   varia

*********************

Grecale's libri

 nello Spazio Grecale's UB 

di fronte 

all'università Statale

 

via Festa del Perdono 12 Mi - 3398245558 

Mm1 Duomo - Mm3 Missori

C.F. e P.IVA 07685010964

grecaleslibri@ilponte.it

Edizioni Comedit 2000

(1991 - 2011)

comedit@ilponte.it

cell. 339 824 55 58

le ultime pubblicazioni:

Una storia silenziosa 
Gli italiani che scelsero Tito

Luigi Lusenti 

... Siamo in presenza di un libro di memorie, di giudizi e anche di storia, sebbene Luigi Lusenti, l’autore, si dichiari impari al compito di storico. Ma è certamente un libro complesso, che si svolge lungo diversi filoni, che s’incrociano più volte e che, nell’insieme, finiscono per costituire uno dei più seri contributi alla conoscenza delle vicende della Venezia Giulia, del Quarnero (Fiume) e della Dalmazia, dal 1918 al 1954, anno della definitiva spartizione del Territorio libero di Trieste e del ritorno della città giuliana all’Italia (ma anche dell’annessione alla Jugoslavia della cosiddetta Zona B, da Isola d’Istria a Cittanova, dopo che già il Trattato di pace del 1947 aveva assegnato alla repubblica di Tito Zara, Fiume, quasi tutta l’Istria, l’altipiano carsico e l’oltre Isonzo). 

Euro 15,00 pag. 142
maggio 2009

 

******

 

Coop Unione di Trezzo sull'Adda

Un grande avvenire dietro le spalle

Paola D'Alessandro 

e Roberto Vitale

 giugno 2008

***

KUGLUF

Cronache di una marca di confine

Gian Luigi Falabrino

 gennaio 2008

 

***

Vite da cantiere

Nuovi schiavi e caporali a Milano 

e in Lombardia nel millennio 

della globalizzazione

Luigi Lusenti e Paolo Pinardi 

luglio 2005

...si è voluto approfondire e far conoscere all'intera città la realtà del cantiere edile, paradigma nel suo sfruttamento e nella sua precarizzazione del lavoro di oggi e della società globalizzata.

In alcune piazze di Milano alle sei del mattino era possibile incrociare decine se non centinaia

di ragazzi e adulti marocchini o egiziani, rumeni o albanesi, in attesa del caporale che dopo veloce contrattazione smistava il suo carico umano in uno dei tanti cantieri della nostra città e regione; ora, dopo diverse denunce e iniziative sopratutto dei sindacalisti e della Carovana Antimafie, il mercato delle braccia è diventato più sotterraneo, ma non meno efficace.

Del resto questo dell'edilizia è uno dei pochi settori trainanti di questa economia in declino: grandi infrastrutture come la Tav o la nuova Fiera, il recupero delle aree dismesse come il Portello o l'Innocenti, i piccole e medi cantieri di una politica urbanistica milanese e lombarda a dir poco sfrenata per cui si costruisce dappertutto sotto (dalle metropolitane sempre lanciate nei centri storici per tenere alta la rendita fino alle migliaia di box spesso inutili) e sopra (dai lunghi grattacieli che dovrebbero risparmiare territorio ai sottotetti trasformati in bollenti mansarde); l'importante è dar fiato alla bolla speculativa del mattone, poi si vedrà.

E allora perchè stupirsi se delle persone, spesso senza permesso di soggiorno, vengono reclutati a 3 euro all'ora con il caporale che spesso ne trattiene più della metà, se nei nostri cantieri si raggiungono percentuali di lavoro nero pari al 40% e in alcuni casi oltre la metà; buona parte di questa città rischia di essere un cantiere precarizzato che oggi c'è e domani non si sa: i giovani dei call center, i lavoratori dei centri commerciali e di molti servizi o agenzie, le migliaia di co.co.co e dei nuovi rapporti di lavoro della legge 30 perfino tantissime partite Iva.

Perché stupirsi se dei ragazzi vengono sbattuti nei cantieri, senza formazione e senza nessuna misura di sicurezza: siamo il paese con la più alta percentuale di incidenti sul lavoro; situazioni assurde come il simulare incidenti stradali o risse tra marocchini, quando si verificano gravi e spesso mortali infortuni nei cantieri periferici, sono meno rari di quel che si pensa; in quelli più grandi e importanti si ha la fortuna di un immediato soccorso e di un commento sui giornali del giorno dopo.

Queste vite da cantiere sono raccontate nel libro; il mercato delle braccia, l'infiltrazione delle varie mafie è documentato da semplici lavoratori, sindacalisti, magistrati e associazioni.

Le classi dirigenti, i ceti politici di Milano e Lombardia, nelle varie consultazioni elettorali primarie comprese, farebbero bene ad interrogarsi del perchè siamo giunti a questo punto e se non è il caso di fermarsi e invertire la rotta.

******

 

ORDINA I NOSTRI LIBRI 

 sconto 20% 

E' possibile prenotare anche: 

 

Vite da cantiere

Nuovi schiavi e caporali a Milano 

e in Lombardia nel millennio 

della globalizzazione.

di Luigi Lusenti e Paolo Pinardi

 Pagg. 136 - euro 13.00 

 

Il libro è anche diventato film

DVD Euro 10,00

 
***
Foibe e fobie

Istria 1943: come e perché vennero giustiziati fascisti e innocenti nel settembre dell'insurrezione popolare

pubblicazione monografica  a cura 

di Giacomo Scotti

***

Per ordinare: 

libreria@ilponte.it

 

21 gennaio 1921 / 2021 - la news

1…la nuova pagina fb della nostra associazione

2…cento anni del Pci: lezione di Aldo Tortorella a colloquio con la giovane generazione

3…l’ultima intervista de il manifesto a Macaluso

4…il centenario di Rifondazione Comunista

5…il Pci una storia aperta, evento di Net Left

6…i racconti di Edgardo Bonalumi

7…il centenario visto e scritto da Bruno Casati e Osvaldo Pesce

8....Mostra virtuale: opere d’arte immagini e testimonianze nel centenario del Pci

9…cineteca Milano: una rassegna di film per i cent’anni del Pci

**********************

Noi e il centenario del Pci a Milano

Qui di seguito trovate il comunicato delle associazioni e delle fondazioni che si riconoscono in quella storia…

Come associazione Berlinguer, sulla base anche delle due iniziative svolte nel 2019 (la prima sugli ultimi 20 anni di vita del Pci a Milano – dall’esplosione allo scioglimento – la seconda sui successivi trent’anni dopo lo scioglimento; le potete trovare entrambe sul nostro sito ilponte.it) e soprattutto dell’avvio di una nostra storia dei comunisti milanesi vista attraverso la pubblicazione di materiali appuntamenti articoli e testimonianze...
In modo schietto avevamo sottolineato la quasi totale assenza in questi trent’anni di un lavoro di ricerca, nonostante l’enorme materiale giacente, da parte degli istituti preposti attorno alla storia del Pci e della sua complessa comunità a Milano soprattutto…

. ..E come non ricordare sempre solo tre anni fa il porsi saccente degli intellettuali di riferimento attraverso l’editto salvatiano: Pisapia sì, Bersani no.
La storia dei comunisti milanesi è troppo importante per ridurla alle semplificazioni del mainstream nostrano con i loro giornaloni (tutta modernità e moderazione, migliorismo e liberaldemocrazia che ci hanno liberato dallo stalinismo e dall’estremismo)….

 °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

News di gennaio 2021

Risolto il mistero del centenario del Pci:
dopo averci provato con Gramsci e Bordiga responsabili della scissione e delle infinite successive
e averci provato in passato con Togliatti responsabile dei crimini di Stalin
e persino additare Longo responsabile delle sentenze del tribunali partigiani (questo ci piace) nei confronti dei gerarchi fascisti a cominciare da Mussolini
finalmente è stato rivelato il vero responsabile dei disastri del novecento: Berlinguer e il suo populismo antisistema.
Ora siamo tutti più tranquilli e sereni!!!

1…Casa Crescenzago, giù le mani private dal palazzo di piazza Costantino
2…il laboratorio politico Berlinguer di Comiso
3…Noi e i cent’anni del Pci a Milano
4…i cent’anni del Pci: è stato bello essere tra i dannati di Michele Prospero - una storia organica di Alexander Hobel
5…i racconti di Edgardo Bonalumi
6…16 dicembre 1945: parte il primo treno della felicità
7… Ingrao e Napolitano a Milano per il sessantesimo:
l’interessante confronto a distanza
Nelle prossime settimane sulla storia dei comunisti milanesi:
…Luigi Tavecchia, il primo suicidato in questura durante gli scioperi del marzo 1943 e la prefazione di Alberto Malagugini al libro “da Valpreda a Pinelli”
…Togliatti, Secchia e Colombi nel racconto di Osvaldo Pesce
…la reazione dei sindaci a cominciare da quello di Milano alla destituzione di Troilo
…i quattro garibaldini nonché partigiani nella federazione milanese del Pci
…il fermento culturale a Milano nel decennio successivo alla Liberazione: intellettuali, docenti, artisti e scrittori
…Rossana Rossanda e la sua Casa della cultura
…i due anni ininterrotti di congresso tra il ’56 e il ’58: lo scontro tra Togliatti e Alberganti
…la sinistra ingraiana a Milano
… chi se ne andò di loro spontanea iniziativa (filocinesi, di orientamento trotskista), chi fu aiutato e chi fu radiato. Un paio se ne andarono al Psi, ma qui non c’entrano le idee
…studenti universitari cooptati senza esperienze di lotte giovanili o di militanza nelle sezioni, responsabili della deriva migliorista
…quando Carlo Cuomo vinse le primarie per le comunali a palazzo Marino del 1980
…Ezio Tabacco attraverso la sua biografia politica e l’intervista del Museo della scienza di Milano
…gli amministratori ed esperti del Pci negli anni 70/80 che ne sapevano politicamente di più di alcuni dirigenti

E tanto altro ancora che già potete leggere sulla nostra pagina sulla storia dei comunisti milanesi

 ************************************************************************

Le news di dicembre 2020

1.nulla potrà essere come prima: serve un altro modello di città e servirebbe un altro sindaco.  
2. il lavoro dimenticato: covid e malati sul lavoro.
3.interviste, convegni e senso di colpa per il fallimento trentennale della sinistra. 4.la pedagogia della formazione e della comunicazione del Pci milanese in una normale settimana della sua storia quarantennale... e l’assenza di un lavoro di ricerca degli istituti figli di quella storia.
5.la poesia tradotta direttamente da Franco Fortini sulla carta intestata del circolo B. Brecht di via Padova…
6.per chi suona la sirena con Antonio Pizzinato e le fabbriche sestesi.
7.l’amicizia tra Mario Spinella e Alessandro Nattta.
8.Pajetta e Trivelli a Milano per il sessantesimo: la prima conferenza di sei alla sala della provincia...


*********************************************************
LA BOLLA OLIMPICA

Presentazione del libro - 20 novembre ore 21.00
Intervengono Silvio La Corte autore, Massimo Gatti collaboratore alla pubblicazione
Dietro la narrazione trionfale dei grandi eventi che fu già dell'Expo 2015, le Olimpiadi che ...

Evento online
https://www.facebook.com/events/3452421444982293/
*****************************************************************

PRIMO MORONI: l’autobiografia curata da Cesare Bermani
Da chef de rang (figlio di contadini toscani diventati ristoratori a Milano) a ballerino frequentando una sala vicino alla sezione di via Bellezza. Dalla militanza nella Fgci alla Perotti Devani, dal Bertolt Brecht alla morte di Ardizzone fino all’abbandono per l’insofferenza verso certi riti burocratici deI gruppI dirigentI.
**************************************************************************

Proposta di lettura
C'ERA DUE VOLTE GIANNI RODARI
L'omino di vetro che raccontava le ingiustizie del mondo

di Alberto Scanzi – associazione circolo Gramsci Bergamo
http://www.gramscibergamo.it/index2.html
Per prenotazione e acquisti circolo@gramscibergamo.it
********************************************************

Settembre 2020
1. Sul nostro sito continua la pubblicazione dei testi delle quattro serate sulla storia del Pci a Milano: l’ultima pubblicata (la seconda) con il nostro commento. Di prossima pubblicazione la quarta e ultima.
Inoltre sempre
sulla stessa pagina trovate nuove testimonianze dei o sui protagonisti di quella storia: da Edio Vallini a Sergio Ricaldone, da Bruno Fortichiari a Giuseppe Alberganti, da Laura Conti a Ezio Tabacco, da Carlo Cuomo e Edgardo Bonalumi a Riccardo Terzi, da alcuni cenni sulla storia di via Padova 61 con il B. Brecht di Anna Rodolfi e Giulio Cuzzi al congresso del 1966 del Pci brianzolo con lo scioglimento della federazione di Monza nei ricordi di Valentino Ballabio.
Infine stiamo promuovendo insieme ad altre associazioni e istituti la formazione a Milano di un comitato unitario per la gestione e promozione delle iniziative riguardanti il centenario. Vi terremo informati.


2. Il colonialismo portoghese e le lotte di liberazione guidate da figure come Amilcar Cabral, Agostinho Neto e Samora Machel.
Ma soprattutto l'originale e incredibile solidarietà internazionale e terzomondista di intellettuali italiani come Joyce Lussu, Giovanni Pirelli e Lelio Basso, del Pci e dell'intera sinistra politica e ancor più quella sociale e cattolica, dell'associazionismo e dei movimenti italiani.
Un esempio unitario da riscoprire e valorizzare attraverso il libro di Vincenzo Russo (letteratura portoghese in Statale a Milano) con Uliano Lucas e i suoi reportages dalle colonie (impossibile dimenticare gli sguardi delle ragazze guerrigliere in Guinea Bissau) con Roberto Vecchi (letteratura portoghese Università di Bologna) e con Paolo Pinardi dell'associazione Berlinguer di Milano.
Domani 30 settembre alle 18 insieme alla Casa della cultura in diretta streaming.
https://www.casadellacultura.it/casa-della-cultura-incontri-testo.php?id=3044

3. Ricordando Rossana Rossanda

https://www.facebook.com/ilmanifesto/videos/1452366378486376

…”Insomma non era il momento giusto per ritirarmi negli studi senza naturalmente lasciare la tessera, pronta a dare una firma e vediamo come va a finire. Qualcuno mi ha rimproverato una visione oblativa, cattolica nella precedenza che davo, e dò ancora, al lavoro fra la gente. Non credo, non ho alcuna propensione all’assistenza. E’ che uscivamo dalla guerra con un rifiuto indelebile della disuguaglianza fra gli uomini. Per questo quelli che lasciarono nel 1948 rimasero nelle vicinanze, anche in preda alla collera come Franco Fortini, anche se più preso dallo studio come Enzo Paci, anche se travolto da non so quale sciagura interiore, come Remo Cantoni. Per il salto dall’altra parte si sarebbe voluto il 1989.
Intanto io passavo da militante a dirigente, su per i gradini della Federazione di Milano, nell’apparato vero e proprio, dalla mattina alle otto e mezzo alla sera alle sette, perlopiù dopo aver tentato alle cinque una riunione all’uscita di fabbrica. Dove si trattava sempre e soltanto di salari, ridimensionamenti di manodopera, restringimenti di libertà – non veniva nemmeno in mente che il partito potesse far altro cha da supporto al sindacato. E alle nove c’erano gli appuntamenti nelle sezioni – le cellule di strada diventavano sempre meno – che dovevano finire prima dell’ultimo tram. Se no un compagno doveva riportarti a casa sulla Lambretta volando per i viali periferici deserti”…
da "La ragazza del secolo scorso"

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Giugno2020

Beppe Sala: 
Lenin è stato un grande rivoluzionario, peccato che Gramsci non abbia studiato a Milano.
.

Dopo aver parlato di nuovo socialismo e del bene per Enrico vi possiamo anticipare una sua dichiarazione sull’assalto a Palazzo reale - ops d’inverno - nel prossimo ottobre e altre ancora almeno fino all’inizio dell’anno prossimo...
Ora, seriamente parlando, tutto ciò non può che farci enorme piacere; ma preferiremmo, anziché parole, un’altra idea di città e soprattutto azioni che ci piace pensare farebbero felici anche Antonio, Enrico e Vladimir. Ad esempio una nuova palazzina (non pretendiamo una torre) dove chi vi entra che sia giovane universitario o anziano, single o padre madre e figli non paghi più di 250/300 euro al mese; se proprio non è possibile nuova va bene anche vecchia e fatiscente come tante ad es. in via Padova: basterebbe riqualificarla anziché gentrificarla dimodochè nella Milano del futuro ci viva gente normale che fatica senza essere costretta ad emigrare ad almeno una ventina di km dalla città per poi raggiungerla quotidianamente con i mezzi privati. Oppure nella città europea per eccellenza, ci fosse un’amministrazione protagonista e attenta alla salute, ad un lavoro dignitoso e alla diffusione di cultura e istruzione per tutti i propri cittadini.

Ps. Ci siamo accorti ora di un’altra dichiarazione riguardante Ho Chi Minh: “non è vero che facesse il lavapiatti in trattoria, era un importante operatore immobiliare asiatico”.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°


Un passo avanti e due indietro: provare ad andare oltre questa logica per una diffusione permanente nella società dei valori di giustizia sociale e ambientale.
Giugno 2020, verso il centenario della fondazione del partito comunista in Italia:

...Dopo la pubblicazione del primo e del terzo capitolo di quella storia del Pci a Milano realizzata nel settembre del 1980 ora tocca alla seconda serata che riguarda il periodo dalla resistenza alla legge truffa ma che in realtà si concentra sugli anni del dopoguerra a Milano sia nella relazione di Elio Quercioli che negli interventi di Vincenzo Rigamonti, Angelo Fumagalli, Quinto Bonazzola, Luigi Borsotti e Tino Casali:
http://www.ilponte.it/secondaserataPcimilano.pdf

La relazione di Quercioli, uno dei maggiori dirigenti del Pci milanese, affronta questo periodo con lo sguardo di quel 1980; anno di svolta segnato dall’ormai definitivo superamento voluto da Berlinguer della solidarietà nazionale dopo la sconfitta elettorale del Pci alle politiche dell’anno precedente e alle amministrative di quello stesso anno e con il preambolo democristiano che apriva ad un’alleanza organica con il Psi craxiano; proprio in quei giorni inizia il confronto durissimo con la Fiat con la proposta di 15 mila licenziamenti e quindi l’occupazione dello stabilimento di Mirafiori che segna la risposta a quella fase di restaurazione che vuole mettere in discussione le conquiste del decennio precedente.

Quercioli, appena eletto vicesindaco dopo la batosta del Pci di quattro punti in percentuale nel rinnovo del consiglio comunale di Milano e l’avanzata del Psi di otto punti, non condivide la linea di Berlinguer di netta alternativa....                                                                            continua a leggere

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

20 maggio 1970 - 20 maggio 2020
Cinquant'anni dallo statuto dei diritti dei lavoratori  


Lo ricordiamo con un intervento di Giuseppe Sacchi che ci fa capire come erano le condizioni di vita e di lavoro negli anni anni sessanta e come si arrivò allo statuto grazie a lotte durissime con 

Giuseppe Sacchi: le lotte operaie a Milano, alle radici dell'articolo 18 (Intervento pronunciato alla Camera dei Deputati nell'aprile 1966) 

con le riflessioni nell'ottobre del 2000 di Pietro Ingrao, Mario Agostinelli, Fausto Bertinotti, Rossana Rossanda e Cesare Salvi alla presentazione del libro di Maurizio Zipponi. Si rifletteva sulle enormi modifiche intervenute nell'economia e nell'organizzazione del lavoro respingendo i tentativi di utilizzarle contro i lavoratori 
http://www.ilponte.it/cisiamo.html

ed infine con due interventi di questi giorni di Antonio Pizzinato che commenta a che punto siamo e soprattutto come andare avanti isolando modifiche e attacchi di questi anni da Renzi a Bonomi

https://www.facebook.com/paolo.pinardi.3/posts/3039748789405778

http://www.lasinistrainzona.it/?p=2482

*******************************************

News aprile 2020

Dal terremoto del 1980 al coronavirus di oggi.
3mila morti, 9mila feriti e 300mila sfollati.

La tragedia nel novembre 1980 del terremoto in Irpinia e da Napoli a Potenza con il ritardo scandaloso dei soccorsi indusse Enrico Berlinguer a denunciare e mettere sotto accusa lo Stato con i suoi governi e ad organizzare una delle più grandi mobilitazioni di volontari e attivisti per aiutare le popolazioni colpite.

Da quell’esperienza insieme a quella dell’occupazione della Fiat due mesi prima, il Pci trasse la conclusione che nulla poteva essere come prima e si contrappose ad un sistema dei partiti lontano dal paese per difendere le conquiste del decennio precedente e per una modernità che non abbandonasse le parti più deboli e arretrate.
Oggi la tragedia del coronavirus (con i suoi numeri impressionanti ancora provvisori) ci insegna ancora che nulla dovrà essere come prima non solo per una sanità pubblica senza più tagli e protagonista della rinascita ma per un modello sostenibile di paese, di Europa e di mondo che fermi il baratro dove stavamo correndo.
Commissariare la regione Lombardia, simbolo di sanità come merce, accerchiare e isolare quel Palazzo sarà il primo passo possibile solo con il protagonismo dei giovani che hanno visto i loro nonni sacrificati nelle case di riposo negli ospedali e nelle case senza ossigeno, degli operai mandati allo sbaraglio per una economia mai discussa (e che vuole ripartire senza essersi mai fermata come se nulla fosse), delle periferie sempre più povere insieme ai ceti intellettuali e scolarizzati diffusi nelle città con i loro saperi scientifici e umanistici.
Altrimenti saremo alle solite con la consueta caciara tra governo e opposizioni impresentabili...

        continua a leggere




MartesanaDue (1998 - 2014)

news da Milano, via Padova in particolare

NEWS maggio 2014

Meglio via Padova di Milano (ancor peggio con expo, quello vero lo trovi solo nei 4 km della via)

1. omaggio al bertolt brecht

2. la casa della cultura islamica incontra la via e la città

3. valorizzare piazza costantino e l'antico borgo di Crescenzago

4. tsipras in via padova

5. i volti della poesia con i poeti del trotter

 

NEWS gennaio 2014

Balkan memorygiornata del Ricordo
domenica 9 febbraio alle ore 17,30 allo spazio Ligera 

di via Padova 133.


presentazione del libro


Eravamo in tanti” di Eros Sequi 

Prima Edizione Italiana 2001 ComEdit 2000 

Seconda Edizione Italiana 2013 Edizioni Cultural Box

NEWS novembre 2013

 1. Ancora su Adriano Marelli

A cura di Paolo Pinardi  

NEWS maggio 2013

 1. “meglio via padova di milano”  il programma generale e quello alla casa della cultura islamica - 2. parte la progettazione partecipata dell’ex convitto nel parco trotter – 3. “meglio via padova di milano”: alcune tra le tante iniziative -  4. quest'anno niente polo idro a meglio via padova - 5. mercoledì parte dalla nostra zona il no al governissimo pd-pdl - 6. a bologna chiesa più povera: non solo a parole - 7. una moschea di quartiere in via padova - 8. fotografia di strada in via dolomiti

A cura di Paolo Pinardi  

NEWS febbraio 2013

 1. fine di una brutta campagna elettorale, fine di un'epoca e ultima possibilità per il centrosinistra: pensieri e consigli - 2. in viaggio con ivan della mea al teatro officina - 3. rom imputati rispondono alle vostre domande alla biblioteca di via don orione - 4. il punto sull'adriano marelli - 5. il punto sulle scuole dell’infanzia di via giacosa e via porpora

A cura di Paolo Pinardi  

NEWS gennaio 2013

1.  stasera al trotter i candidati della nostra zona – 2. un'ora per adele - 3. nuova urbanistica una priorità per la lombardia e per i candidati – 4. stati generali al teatro officina 

A cura di Paolo Pinardi  

 

ARCHIVIO NEWS

NEWS 2012

NEWS 2011

NEWS 2010

NEWS 2009

NEWS 2008

NEWS 2007

NEWS 2006

NEWS 2005

AAlcuni approfondimenti

 

Milano e la zona due

 

VIVERE IN ZONA DUE

***

VIA PADOVA

***

DIRITTO ALLO STUDIO IN ZONA 2

***

DAL CONSIGLIO DI ZONA DUE

***

STAZIONE CENTRALE:  

UN ARREMBAGGIO AL DEMANIO PUBBLICO SENZA CONCORRENZA

***

STORIA DEL NAVIGLIO MARTESANA

***

CASCINE A MILANO

***

IN DIFESA DELLA SANITA' PUBBLICA

***

ARTE E STORIA DEI NOSTRI QUARTIERI

***

ELETTROSMOG DA ANTENNE A GRECO 

BRETELLA DI GRECO

***

ISOLA AMBIENTALE VIALE MONZA- VIA LEONCAVALLO

***

MILANO MULTIETNICA

***

GRONDA NORD E METROTRAMVIA 

***

MI RICORDO

***